Coppa Messapica

FEDERAZIONE CICLISTICA ITALIANA – SETTORE STRADA

Con delibera presidenziale nr. 83 del 30/11/2016, sono stati assegnati i Campionati Italiani 2017.

La Coppa Messapica assegnerà la maglia di:
– Campione Italiano 2017 Under 23, sabato 24 giugno 2017;
– Campione Italiano 2017 Élite, domenica 25 giugno 2017.

A Ceglie Messapica è tutto pronto per accogliere gli atleti che gareggeranno per la conquista del podio nella 58ª edizione della Coppa Messapica che quest’anno è abbinata al Campionato italiano per dilettanti élite ed under 23 sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana.

Il programma della manifestazione
Venerdì 23 giugno 2017 – COMUNE DI CEGLIE MESSAPICA (VIA E. DE NICOLA, 2)
ore 15.00: apertura segreteria;
dalle ore 16.00 alle ore 18.00 verifica licenze;
dalle 18.30: riunione tecnica con il direttore di organizzazione, il collegio dei commissari di gara, i direttori sportivi ed il rappresentante della struttura tecnica FCI.

Sabato 24 giugno – CATEGORIA ÉLITE
dalle ore 11.30 alle ore 12.30: via San Rocco firma foglio di partenza;
ore 12.35: via San Rocco, raduno di partenza;
ore 12.45: via San Rocco partenza ufficiosa;
ore 13,00: sp 22 Ceglie-Ostuni km.1 partenza ufficiale.

Domenica 25 giugno – CATEGORIA UNDER 23
dalle ore 11.30 alle ore 12.30: via San Rocco firma foglio di partenza;
ore 12.35: via San Rocco, raduno di partenza;
ore 12.45: via San Rocco partenza ufficiosa;
ore 13,00: sp 22 Ceglie-Ostuni km.1 partenza ufficiale.

Il percorso
Si comincia con un tratto iniziale di 67 chilometri da percorrere in senso anti-orario tra Ceglie Messapica, Ostuni, Speziale, Montalbano, la salita della Gravina e Cisternino, con il passaggio tra Martina Franca e Ceglie Messapica in un tratto di strada identico al percorso del Giro d’Italia professionisti.
Una volta ritornati a Ceglie Messapica, si percorre un anello di 25 chilometri da fare quattro volte con l’ascesa di 4 chilometri in contrada Galante per poi ripassare sotto il traguardo cittadino di Ceglie Messapica (Via San Rocco) posto in leggera salita.

Nel video qui sopra, Donato Rapito ci mostra il percorso cittadino di 5 chilometri che rappresenta il tratto finale della competizione.

Libriamo 2° appuntamento

Giovedì 15 giugno – ore 18 – MAAC (Museo Archeologico e di Arte Contemporanea)
ENRICA SIMONETTI – Morire come schiavi. La storia si Paola Clemente nell’inferno del caporalato (Imprimatur Edizioni)
Paola Clemente è morta a quarantanove anni nei campi di Andria in un’estate piena di sole, sotto una cappa di silenzi e omertà che ha permesso a qualcuno di utilizzare le sue braccia per troppo tempo, con la ricompensa di due euro all’ora e nessun diritto. Paola. Ma anche molti altri: uomini e donne, braccianti stagionali sfruttati in modo vergognoso da caporali e mediatori capaci di produrre contratti fasulli. In questo viaggio on the road, o meglio in the fields, dal Gargano alla Calabria, si raccontano le storie di tante donne pugliesi, calabresi, lucane, di numerosi immigrati africani o rumeni, arrivati in Italia con la promessa di un lavoro sicuro. Chiamati per “fare l’acinino” ai grappoli d’uva, raccogliere pomodori, olive, arance, mandarini, per necessità sono costretti a condizioni di lavoro stremanti. La precarietà fa accettare di tutto. E se questo accade al Sud, non si può dire che il Nord sia indenne, perché non c’è una geografia dello sfruttamento e dove c’è una campagna o un cantiere, spesso si “assume” manodopera in questo modo.
 
Dialoga con l’autrice, Lucia Portolano (La7)
Intervengono: Sen. Rosa Stanisci, Angelo Leo (CGIL) e i parenti delle vittime del caporalato di Ceglie Messapica.

Festeggiamenti in onore di Sant’Antonio

Saluto del Parroco

Carissimi,
giunge anche quest’anno come tempo di grazia la festa di Sant’Antonio di Padova, nostro Patrono. La sua storia e figura nei giorni di preghiera e festa possano farci nascere nel cuore il desiderio di Dio e del suo regno: non è cosa scontata!
Sant’Antonio è il sedotto da Dio e non dal mondo. La nostra cultura sempre più ci induce a vivere di corsa, a rimandare la soddisfazione dei nostri bisogni più profondi, bisogni vitali, di pienezza di vita alla luce del vangelo. La velocità non è molto amica della profondità. In una cultura della seduzione nella quale siamo immersi conta soltanto quello che percepiscono i nostri sensi: vengono coltivate le apparenze ed è anteposto il sembrare all’essere.
La predicazione chiara, forte e convincente di Sant’Antonio ha evangelizzato in primo luogo i sensi della gente dell’epoca, condizionandone certamente in positivo i pensieri e l’operatività delle scelte. Lo Spirito di Dio continua ad operare anche nella cultura attuale, nonostante si tenti di soffocarlo con una cultura che i sociologi definiscono della seduzione. La nostra sfida – e in questo ci aiuti Sant’Antonio – non consisterà nel fuggire dalla realtà ma nell’avvicinarci piuttosto ad essa con tutti i nostri sensi ben aperti per riconoscere dove e come è presente Dio nell’ordinarietà del tempo:
Il prossimo, gli amici, le cerimonie religiose, la bellezza del mondo non diventano irreali dopo il contatto diretto dell’anima con Dio, anzi è proprio allora che diventano reali le cose che prima erano soltanto sogni” (Simone Weil).
Quando vi capiterà di sostare davanti all’immagine del Santo Patrono per pregarlo, non concentratevi sul vostro sguardo verso di Lui, ma piuttosto sul Suo verso il vostro: sarà lo sguardo di Gesù che riconoscerete e che vi fissa e vi ama attraverso quello di Sant’ Antonio. Buona festa!
Vostro
Don Lorenzo Melle
Programma civile e religioso
Il Comitato organizzatore

Libriamo 1° appuntamento

Venerdì 9 giugno – ore 18 – MAAC (Museo Archeologico e di Arte Contemporanea)
PAOLO MACI – Mi chiamo Eva. Cinque donne. Cinque storie. Una toga (SoloLetteratura)
Nel libro di Maci, cinque donne raccontano all’avvocato storie di sopraffazione, di violenza e di ossessioni patologiche di cui sono vittime; donne ferite ma non sconfitte, che hanno trovato la forza di reagire e chiedono giustizia nelle aule di un Tribunale. Le cinque protagoniste offrono una narrazione cruda, a tratti raccapricciante, del loro vissuto con uno stile televisivo che avvince il lettore, lo porta a commuoversi, indignarsi ed interrogarsi nell’attesa del finale. L’avvocato, che raccoglie le loro voci rimettendo in piedi la stessa dignità crudelmente schiacciata da uomini senza scrupoli, veicola nella difesa delle vittime il dolore, l’angoscia, il sentimento di impotenza di fronte alla violenza subita ed è consapevole, come ogni difensore, che il futuro delle sue assistite si giochi anche nelle aule di un Tribunale, dove essere credute significa in parte riacquistare la propria dignità ferita.

Dialoga con l’autore l’Avv. Anna Rita Amati
Letture a cura degli studenti dell’IISS “C. Agostinelli” di Ceglie Messapica.
Durante la manifestazione sarà presentato il cortometraggio “Il bello dell’esser donna”, di e con gli studenti dell’IISS “C. Agostinelli” impegnati nel progetto sul femminicidio “Chi dice donna dice Donna”.

Onoreficenza di Cavaliere

Nell’ambito delle celebrazioni del 71° anniversario della festa della Repubblica, svoltasi Giovedì 2 giugno 2017 a Brindisi in piazza Santa Teresa, il prefetto di Brindisi Dott. Valerio Valenti ed il commissario prefettizio del Comune di Brindisi Dott. Santi Giuffré, a pochi giorni dal loro insediamento, oltre alla consegna di vari riconoscimenti, hanno conferito l’onoreficenza di cavaliere al prof. Michele Basile, docente di Scienze motorie e sportive in quiescenza di Ceglie Messapica.

Alla manifestazione ha partecipato il Vice Sindaco di Ceglie Messapica Angelo Palmisano.

Prossimamente nella nostra città

Il Moto Vespa Club Ceglie Messapica A.S.D. vi da appuntamento in Piazza Plebiscito a Ceglie Messapica, domenica 18 giugno 2017, per assistere al 4° Vespa Day Tour Città di Ceglie Messapica e festeggiare insieme i 10 anni di attività del Club. Gadget e premi per i partecipanti.

Coord. GPS raduno: 40° 38’ 45.9” N – 17° 31’ 01.2” E

Coord. GPS ristorante: 40° 45’ 34.8” N – 17° 27’ 13.3” E

Clicca sotto per scaricare il modulo di iscrizione

Formato EXCEL  oppure Formato PDF

Si invitano i Club partecipanti ad inviare il modulo di iscrizione entro 16 giugno 2017; grazie.

PROGRAMMA

  • Ore 08.00: Accoglienza dei Vespa Club partecipanti in Piazza Plebiscito

(Coord. GPS: 40° 38’ 45.9” N – 17° 31’ 01.2” E), iscrizioni, colazione, gadget.

  • Ore 10.45: Chiusura iscrizioni e preparazione carovana per il giro turistico.
  • Ore 11.00: Partenza giro turistico (60 km. circa).
  • Ore 13.00: Previsto arrivo presso ristorante “Lo Smeraldo” a Cisternino per il pranzo

(Coord. GPS: 40° 45’ 34.8” N – 17° 27’ 13.3” E).

INTRATTENIMENTO e PREMIAZIONI

  • Premi: Vespa Club più numeroso; Vespa Club più distante; Vespa Club con più donne; Vespista più giovane e più anziano; Vespa più anziana; riconoscimento a tutti i Club partecipanti.
  • Chiusura della manifestazione per le ore 16,00 circa.

REGOLAMENTO

Art. 1 Tutti i mezzi iscritti al raduno dovranno essere in regola con il vigente codice

della strada.

Art. 2 Gli organizzatori declinano ogni responsabilità civile e penale per eventuali

incidenti e/o danni che dovessero accadere a cose, terzi e partecipanti

durante tutto il periodo della manifestazione.

Art. 3 Con l’iscrizione alla manifestazione i partecipanti accettano tutte le norme

contenute nel presente regolamento.

ISCRIZIONI AL RADUNO

La quota di iscrizione è di 10,00 € e comprende: gadget e colazione.

La quota di iscrizione con ristorante è di 25,00 € e comprende: gadget, colazione e pranzo.

 

ISCRIZIONI A NUMERO CHIUSO: (max 300 veicoli)

INFO: [email protected] – Giuseppe 3394393010 – 0831382166

Libriamo

COMUNICATO STAMPA

Al via, a Ceglie Messapica, la 3ª edizione della rassegna letteraria “Libriamo”, organizzata dall’Associazione di Promozione SocialeGIOIA”, con il Patrocinio del Comune di Ceglie Messapica (Assessorato alla Cultura) e la collaborazione dell’IISSC. Agostinelli”, della Camera Forense MessapicaAvv. Vito Gianfreda” e del Forum “Giulia Giornaliste”.

Media Partner Idea Radio.

Il progetto culturale, che ruota attorno a letteratura, saggistica e inchieste, vuole essere, esattamente come gli scorsi anni, un momento di incontro e di dialogo sui libri, con la presenza degli autori ed addetti ai lavori, per approfondire  i temi del momento che raccontano l’Italia di ieri e di oggi.

Una scelta di intrattenimento culturale che coinvolge tutti.

Gli incontri si svolgeranno negli spazi del Sistema Gusto d’Arte e nelle piazze del Borgo Antico, dal 9 giugno al 13 luglio.

Questo il calendario degli incontri:
– Venerdì 9 giugno – ore 18 – MAAC ( Museo Archeologico e di Arte Contemporanea)
PAOLO MACI – Mi chiamo Eva. Cinque donne. Cinque storie. Una toga (SoloLetteratura)
– Giovedì 15 giugno – ore 18 – MAAC ( Museo Archeologico e di Arte Contemporanea)
ENRICA SIMONETTI – Morire come schiavi. La storia si Paola Clemente nell’inferno del caporalato (Imprimatur Edizioni)
– Lunedì 1 luglio – ore 10.30 – Castello Ducale
MARILU’ MASTROGIOVANNI – Io non taccio. L’Italia dell’informazione che dà fastidio (CentoAutori Edizioni)
– Giovedì 13 luglio – ore 18.30 – Chiaro di Luna Cafè (Largo Ognissanti)
RINA BELLO – Le Donne del Sud (Scorpione Editrice)