Libriamo 2° appuntamento

Giovedì 15 giugno – ore 18 – MAAC (Museo Archeologico e di Arte Contemporanea)
ENRICA SIMONETTI – Morire come schiavi. La storia si Paola Clemente nell’inferno del caporalato (Imprimatur Edizioni)
Paola Clemente è morta a quarantanove anni nei campi di Andria in un’estate piena di sole, sotto una cappa di silenzi e omertà che ha permesso a qualcuno di utilizzare le sue braccia per troppo tempo, con la ricompensa di due euro all’ora e nessun diritto. Paola. Ma anche molti altri: uomini e donne, braccianti stagionali sfruttati in modo vergognoso da caporali e mediatori capaci di produrre contratti fasulli. In questo viaggio on the road, o meglio in the fields, dal Gargano alla Calabria, si raccontano le storie di tante donne pugliesi, calabresi, lucane, di numerosi immigrati africani o rumeni, arrivati in Italia con la promessa di un lavoro sicuro. Chiamati per “fare l’acinino” ai grappoli d’uva, raccogliere pomodori, olive, arance, mandarini, per necessità sono costretti a condizioni di lavoro stremanti. La precarietà fa accettare di tutto. E se questo accade al Sud, non si può dire che il Nord sia indenne, perché non c’è una geografia dello sfruttamento e dove c’è una campagna o un cantiere, spesso si “assume” manodopera in questo modo.
 
Dialoga con l’autrice, Lucia Portolano (La7)
Intervengono: Sen. Rosa Stanisci, Angelo Leo (CGIL) e i parenti delle vittime del caporalato di Ceglie Messapica.

Libriamo 1° appuntamento

Venerdì 9 giugno – ore 18 – MAAC (Museo Archeologico e di Arte Contemporanea)
PAOLO MACI – Mi chiamo Eva. Cinque donne. Cinque storie. Una toga (SoloLetteratura)
Nel libro di Maci, cinque donne raccontano all’avvocato storie di sopraffazione, di violenza e di ossessioni patologiche di cui sono vittime; donne ferite ma non sconfitte, che hanno trovato la forza di reagire e chiedono giustizia nelle aule di un Tribunale. Le cinque protagoniste offrono una narrazione cruda, a tratti raccapricciante, del loro vissuto con uno stile televisivo che avvince il lettore, lo porta a commuoversi, indignarsi ed interrogarsi nell’attesa del finale. L’avvocato, che raccoglie le loro voci rimettendo in piedi la stessa dignità crudelmente schiacciata da uomini senza scrupoli, veicola nella difesa delle vittime il dolore, l’angoscia, il sentimento di impotenza di fronte alla violenza subita ed è consapevole, come ogni difensore, che il futuro delle sue assistite si giochi anche nelle aule di un Tribunale, dove essere credute significa in parte riacquistare la propria dignità ferita.

Dialoga con l’autore l’Avv. Anna Rita Amati
Letture a cura degli studenti dell’IISS “C. Agostinelli” di Ceglie Messapica.
Durante la manifestazione sarà presentato il cortometraggio “Il bello dell’esser donna”, di e con gli studenti dell’IISS “C. Agostinelli” impegnati nel progetto sul femminicidio “Chi dice donna dice Donna”.

Prossimamente nella nostra città

Il Moto Vespa Club Ceglie Messapica A.S.D. vi da appuntamento in Piazza Plebiscito a Ceglie Messapica, domenica 18 giugno 2017, per assistere al 4° Vespa Day Tour Città di Ceglie Messapica e festeggiare insieme i 10 anni di attività del Club. Gadget e premi per i partecipanti.

Coord. GPS raduno: 40° 38’ 45.9” N – 17° 31’ 01.2” E

Coord. GPS ristorante: 40° 45’ 34.8” N – 17° 27’ 13.3” E

Clicca sotto per scaricare il modulo di iscrizione

Formato EXCEL  oppure Formato PDF

Si invitano i Club partecipanti ad inviare il modulo di iscrizione entro 16 giugno 2017; grazie.

PROGRAMMA

  • Ore 08.00: Accoglienza dei Vespa Club partecipanti in Piazza Plebiscito

(Coord. GPS: 40° 38’ 45.9” N – 17° 31’ 01.2” E), iscrizioni, colazione, gadget.

  • Ore 10.45: Chiusura iscrizioni e preparazione carovana per il giro turistico.
  • Ore 11.00: Partenza giro turistico (60 km. circa).
  • Ore 13.00: Previsto arrivo presso ristorante “Lo Smeraldo” a Cisternino per il pranzo

(Coord. GPS: 40° 45’ 34.8” N – 17° 27’ 13.3” E).

INTRATTENIMENTO e PREMIAZIONI

  • Premi: Vespa Club più numeroso; Vespa Club più distante; Vespa Club con più donne; Vespista più giovane e più anziano; Vespa più anziana; riconoscimento a tutti i Club partecipanti.
  • Chiusura della manifestazione per le ore 16,00 circa.

REGOLAMENTO

Art. 1 Tutti i mezzi iscritti al raduno dovranno essere in regola con il vigente codice

della strada.

Art. 2 Gli organizzatori declinano ogni responsabilità civile e penale per eventuali

incidenti e/o danni che dovessero accadere a cose, terzi e partecipanti

durante tutto il periodo della manifestazione.

Art. 3 Con l’iscrizione alla manifestazione i partecipanti accettano tutte le norme

contenute nel presente regolamento.

ISCRIZIONI AL RADUNO

La quota di iscrizione è di 10,00 € e comprende: gadget e colazione.

La quota di iscrizione con ristorante è di 25,00 € e comprende: gadget, colazione e pranzo.

 

ISCRIZIONI A NUMERO CHIUSO: (max 300 veicoli)

INFO: [email protected] – Giuseppe 3394393010 – 0831382166

Libriamo

COMUNICATO STAMPA

Al via, a Ceglie Messapica, la 3ª edizione della rassegna letteraria “Libriamo”, organizzata dall’Associazione di Promozione SocialeGIOIA”, con il Patrocinio del Comune di Ceglie Messapica (Assessorato alla Cultura) e la collaborazione dell’IISSC. Agostinelli”, della Camera Forense MessapicaAvv. Vito Gianfreda” e del Forum “Giulia Giornaliste”.

Media Partner Idea Radio.

Il progetto culturale, che ruota attorno a letteratura, saggistica e inchieste, vuole essere, esattamente come gli scorsi anni, un momento di incontro e di dialogo sui libri, con la presenza degli autori ed addetti ai lavori, per approfondire  i temi del momento che raccontano l’Italia di ieri e di oggi.

Una scelta di intrattenimento culturale che coinvolge tutti.

Gli incontri si svolgeranno negli spazi del Sistema Gusto d’Arte e nelle piazze del Borgo Antico, dal 9 giugno al 13 luglio.

Questo il calendario degli incontri:
– Venerdì 9 giugno – ore 18 – MAAC ( Museo Archeologico e di Arte Contemporanea)
PAOLO MACI – Mi chiamo Eva. Cinque donne. Cinque storie. Una toga (SoloLetteratura)
– Giovedì 15 giugno – ore 18 – MAAC ( Museo Archeologico e di Arte Contemporanea)
ENRICA SIMONETTI – Morire come schiavi. La storia si Paola Clemente nell’inferno del caporalato (Imprimatur Edizioni)
– Lunedì 1 luglio – ore 10.30 – Castello Ducale
MARILU’ MASTROGIOVANNI – Io non taccio. L’Italia dell’informazione che dà fastidio (CentoAutori Edizioni)
– Giovedì 13 luglio – ore 18.30 – Chiaro di Luna Cafè (Largo Ognissanti)
RINA BELLO – Le Donne del Sud (Scorpione Editrice)

Raccolta sangue

Appuntamento per sabato 20 maggio, dalle 8.30 alle 11.30, presso l’ospedale di Ceglie Messapica per la “Giornata del donatore” curata dalla sezione Avis di Ceglie Messapica.
Si ricorda che è consigliabile effettuare una leggera colazione a base di thè, caffè, biscotti secchi, fette biscottate; da evitare latticini e derivati.
Al termine della raccolta verrà effettuato un sorteggio di 2 BUONI BENZINA da 30 euro cadauno offerti dalla STAZIONE DI SERVIZIO ENI in largo Amendola.

2° VESPA RAID “TERRE DEI BORBONI”

Sabato 29 aprile partirà da Ceglie Messapica la manifestazione denominata: 2° Vespa Raid “Terra dei Borboni” Edizione 2017.

Il Moto Vespa Club Ceglie Messapica A.S.D. in collaborazione con il Vespa Club San Vito dei Normanni, sotto il patrocinio del Vespa Club d’Italia e dell’Ente Nazionale di Promozione Sportiva Libertas ha organizzato la manifestazione che si inquadra nel Calendario Nazionale del Vespa Club d’Italia in cui vedrà impegnati appassionati delle due ruote in un tour attraverso la Puglia per poi nella giornata di domenica 30 aprile prendere forma la manifestazione di regolarità vespistica sul promontorio del Gargano. La regolarità vespistica non è altro che il percorrere un tratto di strada ad una velocità media di 39 Km/h rilevato da controlli orari a cura della Federazione Nazionale Cronometristi sezione di Foggia e prevedendo delle soste per controllo a timbro.

Il percorso di andata prevede l’attraversamento in ordine di percorrenza delle seguenti città: Ceglie Messapica – Martina Franca – Noci – Gioia del Colle – Santeramo – Altamura – Gravina in Puglia – Spinazzola – Minervino Murge – Canosa di Puglia – Cerignola – San Giovanni Rotondo – Carpino e Peschici dove i partecipanti consumeranno la cena e pernotteranno in struttura alberghiera.

Mentre per la manifestazione di regolarità del 30 aprile i partecipanti seguiranno un primo tragitto che partirà da Peschici per proseguire verso San Nicandro Garganico – San Marco in Lamis – Borgo Celano. Dopo una sosta ristoro presso una struttura alberghiera il secondo tratto vedrà impegnati i vespisti da Borgo Celano verso San Giovanni Rotondo – direzione Manfredonia – Mattinata – Pugnochiuso – Vieste – Peschici.

Poi il 1° maggio si farà rientro a Ceglie Messapica partendo da Peschici e toccando: Vico del Gargano – Monte Sant’Angelo – Manfredonia – Cerignola – Canosa di Puglia – Corato – Ruvo di Puglia – Palo del Colle – Bitetto – Sannicandro di Bari – Acquaviva delle Fonti – Sammichele di Bari – Putignano – Alberobello – Locorotondo – Cisternino – Ceglie Messapica.

Il tragitto totale sarà di circa 850 Km nei tre giorni della manifestazione; i numerosi partecipanti iscritti provengono dalle varie province pugliesi e dalla provincia di Catanzaro. Appuntamento quindi alle ore 08.30  in Piazza Sant’Antonio per assistere alla partenza degli equipaggi.

Giornata cittadina della memoria e dell’impegno

Venerdì 31 marzo 2017, alle ore 10.00 a cura del Presidio di Libera a Ceglie Messapica si terrà la manifestazione
VI Giornata cittadina della memoria e dell’impegno
in ricordo delle vittime innocenti delle mafie“;

“Luoghi di speranza testimoni di bellezza…
tra Belvedere Monterrone, Cento Scaloni e via Muri

• LETTURA NOMI DELLE VITTIME PUGLIESI DELLE MAFIE
• RACCOLTA RIFIUTI E PIANTUMAZIONE DI FIORI STAGIONALI
• LABORATORI ED ESTEMPORANEE D’ARTE

Da Locri a Bari e in centinaia di piazze d’Italia il 21 marzo una marea umana ha alzato le mani Libere per la XXII Giornata nazionale delle memoria e dell’impegno, organizzata da Libera e da Avviso Pubblico. La Locride non a caso è stata epicentro delle manifestazioni, perché lembo di regione martoriato dalla ‘Ndrangheta, ma anche dorsale di accoglienza, culla della nostra civiltà. Il fondatore di Libera Luigi Ciotti, per niente scalfito dai messaggi intimidatori delle vigilia, ha reso omaggio allo scrittore calabrese Corrado Alvaro per ricordarci che “abbiamo diritto di sapere cosa i rappresentanti del popolo hanno in testa ma anche cosa hanno in tasca” e per dire “no alla retorica della legalità e sì alla giustizia sociale”. Pensando alla terra calabra è stato coniato lo slogan “Luoghi di speranza testimoni di bellezza”, tema ispiratore del 2017.

Quel tema sarà il motivo conduttore della VI Giornata cittadina della memoria e dell’impegno – manifestazione promossa a Ceglie Messapica il 31 marzo 2017 dal Presidio di Libera, con il sostegno di Libera Puglia, Libera Brindisi e il patrocinio del Comune di Ceglie Messapica – coniugandosi al “mi prendo cura della nostra terra”, presupposto delle nostre attività dell’anno.
Protagonisti della Giornata saranno le scuole – i due Istituti Comprensivi e l’I.I.S.SAgostinelli” – le realtà associative, le parrocchie del Presidio e i richiedenti asilo del C.A.S. di Villa Aurora. A partire dalle ore 10.00 il Belvedere Monterrone accoglierà il corteo colorato dei protagonisti del mondo della conoscenza – studenti, dirigenti, docenti – e dei partecipanti che attiveranno lungo via Muri laboratori d’arte ed estemporanee di pittura, dedicati alle vittime pugliesi delle mafie, al consumo di suolo (a Brindisi e provincia tra i più alti in Italia), alle ecomafie, al lavoro sfruttato. In contemporanea un gruppo di volontari raccoglierà rifiuti urbani ed erbacce lungo i Cento Scaloni – “luogo di speranza”, simbolo dello stretto legame tra paese e campagna – per poi abbellirli con fiori stagionali e contornarli di materiali riciclati su cui verranno scritti i nomi delle vittime pugliesi delle mafie. Due storie in particolare saranno rievocate, quelle di Renata Fonte e Francesco Marcone, entrambi uccisi il 31 marzo del 1984 e del 1995: grazie a Renata Fonte, donna impegnata in politica, l’oasi naturalistica salentina di Porto Selvaggio è stata strappata agli appetiti degli speculatori che lì avrebbero voluto costruire grossi complessi edilizi; grazie a Francesco Marcone, responsabile dell’Ufficio del registro di Foggia, è stato snidato un giro di malaffare messo in atto da falsi “mediatori” che garantivano, dietro pagamento, il rapido disbrigo di pratiche d’ufficio. E ricorderemo Peppino Impastato – giornalista, poeta, attivista siciliano – ucciso da Cosa nostra nel 1978, il quale alla bellezza ha dedicato parole che condividiamo e facciamo nostre: “Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà[…] perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore.”
Una Giornata per dire no alla rassegnazione, sì alla bellezza. Vi aspettiamo!
*Fanno parte del Presidio di Libera Ceglie Messapica: Aciam, Agesci, Casarmonica, Ceglie nel cuore, Cif, Cineblog Gruppo Giovani, ComuniTazione, I Istituto Comprensivo Statale, II Istituto Comprensivo Statale, I.I.S.S. “Cataldo Agostinelli”, Lottovolante, Maria S.S. Assunta, San Lorenzo, San Rocco, Passoditerra
P.S. In caso di maltempo la manifestazione si svolgerà, a partire dalle ore 10:00, nelle scuole della città: I Istituto Comprensivo, II Istituto Comprensivo, I.I.S.S. “C. Agostinelli”.
Fonte: ahiceglie