Libriamo 2° appuntamento

Giovedì 15 giugno – ore 18 – MAAC (Museo Archeologico e di Arte Contemporanea)
ENRICA SIMONETTI – Morire come schiavi. La storia si Paola Clemente nell’inferno del caporalato (Imprimatur Edizioni)
Paola Clemente è morta a quarantanove anni nei campi di Andria in un’estate piena di sole, sotto una cappa di silenzi e omertà che ha permesso a qualcuno di utilizzare le sue braccia per troppo tempo, con la ricompensa di due euro all’ora e nessun diritto. Paola. Ma anche molti altri: uomini e donne, braccianti stagionali sfruttati in modo vergognoso da caporali e mediatori capaci di produrre contratti fasulli. In questo viaggio on the road, o meglio in the fields, dal Gargano alla Calabria, si raccontano le storie di tante donne pugliesi, calabresi, lucane, di numerosi immigrati africani o rumeni, arrivati in Italia con la promessa di un lavoro sicuro. Chiamati per “fare l’acinino” ai grappoli d’uva, raccogliere pomodori, olive, arance, mandarini, per necessità sono costretti a condizioni di lavoro stremanti. La precarietà fa accettare di tutto. E se questo accade al Sud, non si può dire che il Nord sia indenne, perché non c’è una geografia dello sfruttamento e dove c’è una campagna o un cantiere, spesso si “assume” manodopera in questo modo.
 
Dialoga con l’autrice, Lucia Portolano (La7)
Intervengono: Sen. Rosa Stanisci, Angelo Leo (CGIL) e i parenti delle vittime del caporalato di Ceglie Messapica.

Libriamo 1° appuntamento

Venerdì 9 giugno – ore 18 – MAAC (Museo Archeologico e di Arte Contemporanea)
PAOLO MACI – Mi chiamo Eva. Cinque donne. Cinque storie. Una toga (SoloLetteratura)
Nel libro di Maci, cinque donne raccontano all’avvocato storie di sopraffazione, di violenza e di ossessioni patologiche di cui sono vittime; donne ferite ma non sconfitte, che hanno trovato la forza di reagire e chiedono giustizia nelle aule di un Tribunale. Le cinque protagoniste offrono una narrazione cruda, a tratti raccapricciante, del loro vissuto con uno stile televisivo che avvince il lettore, lo porta a commuoversi, indignarsi ed interrogarsi nell’attesa del finale. L’avvocato, che raccoglie le loro voci rimettendo in piedi la stessa dignità crudelmente schiacciata da uomini senza scrupoli, veicola nella difesa delle vittime il dolore, l’angoscia, il sentimento di impotenza di fronte alla violenza subita ed è consapevole, come ogni difensore, che il futuro delle sue assistite si giochi anche nelle aule di un Tribunale, dove essere credute significa in parte riacquistare la propria dignità ferita.

Dialoga con l’autore l’Avv. Anna Rita Amati
Letture a cura degli studenti dell’IISS “C. Agostinelli” di Ceglie Messapica.
Durante la manifestazione sarà presentato il cortometraggio “Il bello dell’esser donna”, di e con gli studenti dell’IISS “C. Agostinelli” impegnati nel progetto sul femminicidio “Chi dice donna dice Donna”.

Libriamo

COMUNICATO STAMPA

Al via, a Ceglie Messapica, la 3ª edizione della rassegna letteraria “Libriamo”, organizzata dall’Associazione di Promozione SocialeGIOIA”, con il Patrocinio del Comune di Ceglie Messapica (Assessorato alla Cultura) e la collaborazione dell’IISSC. Agostinelli”, della Camera Forense MessapicaAvv. Vito Gianfreda” e del Forum “Giulia Giornaliste”.

Media Partner Idea Radio.

Il progetto culturale, che ruota attorno a letteratura, saggistica e inchieste, vuole essere, esattamente come gli scorsi anni, un momento di incontro e di dialogo sui libri, con la presenza degli autori ed addetti ai lavori, per approfondire  i temi del momento che raccontano l’Italia di ieri e di oggi.

Una scelta di intrattenimento culturale che coinvolge tutti.

Gli incontri si svolgeranno negli spazi del Sistema Gusto d’Arte e nelle piazze del Borgo Antico, dal 9 giugno al 13 luglio.

Questo il calendario degli incontri:
– Venerdì 9 giugno – ore 18 – MAAC ( Museo Archeologico e di Arte Contemporanea)
PAOLO MACI – Mi chiamo Eva. Cinque donne. Cinque storie. Una toga (SoloLetteratura)
– Giovedì 15 giugno – ore 18 – MAAC ( Museo Archeologico e di Arte Contemporanea)
ENRICA SIMONETTI – Morire come schiavi. La storia si Paola Clemente nell’inferno del caporalato (Imprimatur Edizioni)
– Lunedì 1 luglio – ore 10.30 – Castello Ducale
MARILU’ MASTROGIOVANNI – Io non taccio. L’Italia dell’informazione che dà fastidio (CentoAutori Edizioni)
– Giovedì 13 luglio – ore 18.30 – Chiaro di Luna Cafè (Largo Ognissanti)
RINA BELLO – Le Donne del Sud (Scorpione Editrice)

Libro “Plastica” dialogo con il Rotary

Questa sera venerdì 24 febbraio, su invito del Rotary Club di Ceglie Messapica, Rosangela Chirico presenterà il libro “Plastica“, edizioni Kurumuny. Con inizio alle ore 20.30 ed ingresso libero presso  l’hotel Madonna delle Grazie di Ceglie Messapica ospiterà l’autrice che dialogherà con Lina Patruno.
Plastica è un libro che ripercorre a ritroso la vita lavorativa di Donato Chirico, padre dell’autrice ed operaio petrolchimico; allo stesso tempo è un atto di accusa contro la Montecatini azienda chimica italiana di notorietà mondiale. La storia di una famiglia operaia, in particolare di un padre ed una figlia, della malattia che porterà alla morte lui, Donato, e della fatica e dell’amore di lei, Rosangela, che di quel padre si prenderà cura fino all’ultimo giorno con grande coraggio, senza mai indulgere alla disperazione. Un documento di denuncia contro il petrolchimico che avvelena uomini e ambiente. “Il pane è condito con la morte“, così l’autrice chiude il suo racconto, con un’amara metafora di un mondo che del petrolio e della plastica non può fare a meno e per ogni operaio che muore altri sono pronti a entrare nelle fabbriche, perché in Italia il disastro ambientale avviene sotto il segno del ricatto occupazionale.
Donato è stato ucciso dal cancro epatico causato dall’esposizione prolungata al CVM, il Cloruro di Vinile Monomero, contratto al petrolchimico di Brindisi.
Visita il sito dell’autrice e quello del suo libro:

Borse di studio

Nello splendido scenario del Museo Archeologico di Arte Contemporanea (MAAC), sono state consegnate, a cinque alunni del Primo Istituto Comprensivo di Ceglie Messapica, le borse di studio al termine del percorso di studi della Scuola Secondaria di Primo Grado, anno scolastico 2015/2016, dove i ragazzi si sono particolarmente distinti riportando il massimo dei voti.

Le borse di studio sono frutto di un progetto scaturito da una donazione da parte di un anonimo benefattore.

Sono intervenuti alla cerimonia di consegna il dirigente scolastico dott. Giulio Simoni, la docente referente del progetto prof.ssa Liliana Mola ed il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi dott.ssa Agata Scarafilo.

annuario2015La cerimonia è stata preceduta dalla presentazione al pubblico dell’Annuario 2015 di Stefano Menga.

La quarta edizione della pubblicazione di un volume che raccoglie fatti ed eventi che accadono a Ceglie Messapica o che riguardano cittadini cegliesi pubblicati sul blog dell’autore “Cronache e cronachette di Ceglie Messapica“.

Per l’occasione sono intervenuti il Direttore de “Lo Scudo” Ferdinando Sallustio, il giornalista Gianluca Greco della testata giornalistica “BrindisiReport”, il sindaco di Ceglie Messapica Luigi rag. Caroli mentre la serata è stata moderata e presentata dalla giornalista Agata Scarafilo (corrispondente de “La Gazzetta del Mezzogiorno”).

 

L’annuario 2015: la presentazione del libro

libro_cronache_2016Ritorna l’appuntamento annuale con “l’annuario” di Stefano Menga. Dal blog Cronache e Cronachette, nasce anche quest’anno, la versione 2015 dell’annuario. L’autore presenterà il volume alla cittadinanza mercoledì 10 Agosto 2016 alle ore 20:00 per il MAAC di Ceglie Messapica.

Nella stessa serata il Primo Istituto Comprensivo di Ceglie Messapica consegnerà le borse di studio agli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado che si sono particolarmente distinti negli studi.

Reliquie di San Rocco

san Rocco 2016 reliquieVenerdì 5 agosto 2016, alle ore 11.00, presso la Sala del Castello Ducale si terrà la Conferenza Stampa per presentare l’evento dell’Accoglienza delle Reliquie di San Rocco nella città di Ceglie Messapica.

La Parrocchia di San Rocco a Ceglie Messapica, insieme all’Associazione EuropeaAmici di San Rocco” e al suo Procuratore generale Fratel Costantino De Bellis, ha organizzato per i giorni della festa del Patrono l’arrivo nella città di Ceglie delle reliquie del Santo.

braccio san roccoSi tratta di una Reliquia insigne (un braccio del Santo) e di alcune reliquie minori. L’arrivo è previsto per le ore 17.00 del 14 agosto presso la Casa di Riposo “San Giuseppe”, sita in Via San Vito, per consentire ai degenti della stessa di poterle venerare e pregare, visto che siamo nel Giubileo della Misericordia. Alle ore 21.00 dello stesso giorno, insieme ai numerosi pellegrini che giungeranno dai diversi centri in cui si venera San Rocco, una fiaccolata accompagnerà le Reliquie nella Chiesa a lui intitolata, per l’esposizione e la venerazione.

La sera del 15 agosto alle ore 21.00 si svolgerà una veglia di preghiera e la sera del 16 in occasione della Festa di San Rocco le Reliquie saranno portate in Processione, accompagnate dal Vescovo della Diocesi di Oria, Mons. Vincenzo Pisanello. La mattina del 18 agosto le Reliquie saranno trasferite nella Chiesa di San Rocco all’Augusteo a Roma, dove sono custodite.

Con San Rocco il popolo loda e adora Dio e pellegrina lieto tra le vicende della storia con la fiducia e la carità dell’amabile Santo di Montpellier

Procuratore generale Fratel Costantino De Bellis
Guardiano delle reliquie San Rocco