Earth Overshoot Day

Earth Overshoot Day
Grafico Earth Overshoot Day

Una buona notizia è quella che quest’anno il pianeta ha guadagnato circa un mese di vita, nel senso che le risorse annuali destinate al sostentamento del pianeta prodotte quest’anno si sono esaurite il 22 agosto mentre lo scorso anno era avvenuto il 29 luglio. In altri termini questo giorno segna il periodo nel quale entriamo ufficialmente in debito con gli ecosistemi naturali per le risorse che consumiamo e viene chiamato “Earth Overshoot Day“.

L’Earth Overshoot Day non è altro che il giorno dell’anno in cui il pianeta non riesce più a “mantenere il passo” con le esose richieste di sostentamento dell’uomo quindi a rigenerare le risorse che consumiamo per vivere, mangiare, produrre energia, assorbire i gas inquinanti, questo giorno dell’anno segna di fatto l’inizio del debito, l’Overshoot Day: da quel momento e fino alla fine dell’anno l’uomo vive consumando risorse che la terra non è in grado di rigenerare in quell’anno solare, di fatto sottraendole al futuro di tutti gli esseri viventi.

La cattiva notizia è che questa riduzione non è dovuta all’inversione di tendenza dei consumi o dello stile di vita degli esseri umani, quindi strutturale, ma solo una ricaduta temporanea dovuta dalla concomitanza della pandemia dovuta al COVID-19.

Il centro di ricerca internazionale “Global Footprint Network” si occupa di tenere conto dello sfruttamento delle risorse naturali da parte dell’umanità cioè della nostra impronta ecologica.
Allo stato attuale delle cose, la Terra impiega un anno e otto mesi circa per rigenerare le risorse che consumiamo in quello stesso anno; ossia il 60% in più di quanto si possa rinnovare all’interno dello stesso anno: praticamente è come se si consumassero le risorse di 1,6 pianeti Terra.
Nell’approfondimento della questione si nota che oltre metà dell’impronta ecologica dell’umanità è costituita dall’impronta di carbonio; vengono immessi in atmosfera molti più gas serra di quanti la terra, attraverso foreste e oceani, riesca ad assorbire, e gli effetti sono sotto gli occhi di tutti nel cambiamento climatico a cui stiamo assistendo.

Questo ci deve far riflettere al fine di cercare il più possibile di modificare lo stile di vita quotidiano di tutti noi esseri viventi se vogliamo preservare la vita delle generazioni future.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.